Country Zombie Apocalypse 2

Country Zombie Apocalypse 2, il ritorno di Al Crepuscolo e la sua banda di ammazza zombie

Country Zombie Apocalypse 2, il ritorno di Al Crepuscolo e la sua banda di ammazza zombie. La nostra recensione del secondo capitolo della saga edita Delos Digital


Country Zombie Apocalypse 2
Country Zombie Apocalypse 2 – La copertina del romanzo

Lo abbiamo apprezzato lo scorso anno con la prima parte di questa stupenda avvenutra horror zombie. E lo apprezziamo ancora di più con questo secondo capitolo.

L. Filippo Santaniello è tornato a far rivere le vicende della squadra di ammazza zombie più atipica e famosa dell’Umbria. E lo ha fatto, come suo solito, con grande stile.

Ma partiamo dall’inizio.

Con Country Zombie Apocalypse 2 (Delos Digital, 2023) lo scrittore e sceneggiatore romano di adozione ha deciso di dare una fantastica cornice alle vicende di Al Crepuscolo. Partendo da una panoramica più attenta sul suo background, fino ad arrivare a una degna conclusione della mini saga.

La storia non comincia esattamente da dove si era conclusa. Ma riprende le fila raccontando del mondo prima dei ritornarni.

Da quel punto in poi si viene proiettati nuovamente nella realtà, dove Al, nonno Igino, nonna Clotilde e Ivo dovranno affrontare una nuova pericolosa battaglia contro le creature comparse sulla terra.

Rispetto al primo episodio, questo seguito è meno di azione e più di riflessione.

In sostanza, l’autore ha cercato di dare una spiegazione generale a ciò che in precedenza hanno fatto i protagonisti. Portando alla luce una serie di verità che hanno condotto i personaggi ad agire in un determinato modo.

A questo, inoltre, si aggiunge anche un’altra specifica riflessione: il male fatto durante gli anni colpisce con il tempo anche colui che lo ha commesso.

Questo concetto viene esplicitato in diversi modi, includendo tanto la tematica zombie, di base nello scritto, quanto l’ambientazione descritta.

E la tematica viene rafforzata anche attraverso dei flashback, fondamentali nell’andamento della storia.

Per l’occasione l’autore cerca di farci conoscere meglio la vita precedente di Al dedicando interi capitoli ai quattro anni prima dello scoppio dell’epidemia che ha portato la nascita dei ritornanti.

Queste parti, oltre a far comprendere meglio le peculiarità dei soggetti, consentono di andare avanti nel racconto di quella che è la quotidianità di Country Zombie Apocalypse 2.

Infine, da citare assolutamente l’epilogo spiazzante.

In un contesto come quello descritto tutto è possibile. E Santaniello riesce a chiudere il romanzo breve in maniera davvero inaspettata.

Alessandro Falanga

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *