Foggia calcio '91 - '92

Foggia calcio ’91 – ’92, quando la Puglia era Zemanlandia

Foggia calcio ’91 – ’92, quando la Puglia era Zemanlandia. Il nostro omaggio ai satanelli nella rubrica Storie di sport


Foggia calcio '91 - '92
Foggia calcio ’91 – ’92 – Gli undici titolari della squadra pugliese

La miglior difesa è l’attacco.

Questo antico detto, che predilige l’anticipo di qualsiasi mossa per trovarsi in condizioni di vantaggio, non sempre viene privilegiato nello sport.

In alcuni casi, però, questa tattica è stata fin troppo presa alla lettera, portando a risultati totalmente insperati.

Per questo nuovo appuntamento di Storie di sport, abbiamo deciso di omaggiare una delle più belle realtà provinciali nate agli inizi degli anni ’90: il Foggia calcio ’91 – ’92.

La suadra pugliese si è resa protagonista di un cammino straordinario nella massima serie e, grazie alle abilità del suo tecnico, è divenuta una picola grande realtà del calcio.

Siamo all’inizio della stagione calcistica 1991 – 1992.

La Sampdoria ha appena conquistato il suo primo scudetto e la Serie A si presenta ai nastri di partenza con diverse pretendenti per il vertice.

Tra le squadre salite dalla B, invece, il Foggia spicca per una serie di peculiarità rispetto ad Ascoli, Verona e Cremonese.

La compagine viene da una cadetteria dominata e i giovani giocatori sembrano totalmente a proprio agio nello schema calcistico pugliese.

In più sono arrivati il romeno Petrescu e il russo Šalimov, che si aggiungono ad un organico molto interessante.

La punta di diamante dei rossoneri è però un’altra.

Un personaggio riservato e dalle origini importanti.

Foggia calcio '91 - '92
Foggia calcio ’91 – ’92 – Il trio Baiano – Signori – Rambaudi

Sempre con la sigaretta in bocca e propenso ad attaccare con una linea di difesa molto alta.

Un boemo dal nome Zdeněk Zeman.

Il nipote di Čestmír Vycpálek (ex giocatore ed allenatore della Juventus) è già abituato alle imprese impossibili (per conferme chiedere a Licata).

E ha tutta l’intenzione di stupire con la sua idea di calcio.

Con un 4 – 3 – 3 molto alto, sorretto da Baroni a centrocampo e dal trio Rambaudi – Signori – Baiano in attacco, il Foggia si presenta ai nastri di partenza il 1 settembre 1991.

La partita non è per nulla facile e per di più è lontana dal Pino Zaccheria.

Di fronte c’è l’Inter dell’esordiente Orrico con la voglia di riscatto.

Sicuramente i nerazzurri sono una squadra in ricostruzione ma comunque sono una big.

Il match non si sblocca per diversi minuti e i nerazzurri rimangono disorientati dalla tattica foggiana.

Al ’52 accade l’incredibile.

Foggia calcio '91 - '92
Foggia calcio ’91 – ’92 – Zdeněk Zeman

Rambaudi viene lanciato sulla destra e resta in attesa di un inserimento.

Baiano capisce le intenzioni del compagno e si butta in area con la volontà di travolgere qualunque cosa tra lui e la palla.

Ne esce un tap-in di sinistro fuori equilibrio più che efficace.

La partita finisce 1 – 1 (pareggio di Ciocci al ’62) e Zeman a fine partita dichiara: “Non abbiamo dato una lezione ma abbiamo giocato il nostro calcio. Sono contento se qualcuno si è divertito a vederci”.

Il Foggia divertirà tanto in quel campionato.

Fermerà altre grandi – come Napoli, Sampdoria e Fiorentina – e nonostante sconfitte cocenti (come il 5 – 2 con la Lazio e il 2 – 8 con il Milano) sfiorerà la zona UEFA.

Il nono posto sarà un gran risultato e farà sognare – purtroppo invano – i tifosi per le stagioni succesive.

Quella grande favola, oltre a far emergere diversi talenti, riuscirà a galvanizzare un’intera provincia grazie alle abilità di una squadra fuori dal comune guidata da un allenatore fuori da qualunque schema.

Alessandro Falanga

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *