Batman: le cinque versioni alternative dell’uomo pipistrello – PARTE I

Batman, le cinque versione alternative del Cavaliere Oscuro. Il pipistrello come non lo avete mai visto su Diario di Rorschach

Batman, le cinque versione alternative del Cavaliere Oscuro. Il pipistrello come non lo avete mai visto su Diario di Rorschach

</>


La figura di Batman ha subito, negli anni, una serie di trasformazioni che hanno portato l’uomo pipistrello ad essere interepretato da diversi personaggi.

La Dc Comics, infatti, più di una volta ha messo da parte Bruce Wayne, storico interprete del Cavaliere Oscuro, per far spazio a versioni alternative di tutto rispetto, che hanno reso comunque lustro alla figura del vigilante.

Di seguito verranno proposte le 5 versioni alternative di Batman più significative secondo il Diario di Rorschach.

 

Thomas Wayne in Flashpoint

Batman Thomas Wayne – Flashpoint: Il Batman interpretato da Thomas Wayne è una delle versioni più affascinanti dell’uomo pipistrello. Protagonista della saga Flashpoint, la sua storia parte dalla morte di suo figlio Bruce, che ha reso lui il Cavaliere Oscuro e la moglie Joker. Vigilante totalmente diverso dall’orginale, si distingue da Bruce tanto per una certa propensione all’omicidio quanto per una passione smisurata per le armi. Molto rispettato nell’ambiente dei supereroi, viene considerato invincibile, a causa di una leggenda metropolitana, nell’oscura Gotham della mini-serie.

 

 

Jason Todd ne La Battaglia per il mantello

Batman Jason Todd –  Battaglia per il mantello: Nella saga per raccogliere l’eredità di Bruce Wayne, dato per morto, si assiste ad un vero e proprio paradosso fumettistico. Questo Batman, interpretato impropriamente da Jason Todd per colpire più gli ex compagni che i criminali, si distingue dall’originale per il grilletto facile e la propensione a far fuori parte della Bat-famiglia (Damian Wayne e Tim Drake, che assume temporaneamente le vesti del vigilante, su tutti). Sconfitto da Dick Grayson, dopo un duro scontro fisico, preferisce il sucidio all’aiuto del primo Robin.

 

 

Dick Grayson ne La Battaglia per il mantello

Batman Dick Grayson – Battaglia per il mantello: Continuando con la meravigliosa saga sul Batman del dopo Bruce Wayne, non si può non citare Dick Grayson. Il Robin originale, il Ragazzo meraviglia, è il degno erede del milionario di Gotham sia per anzianità che per caratteristiche morali simili all’orginale. Inizialmente rifiuta di indossare i panni del mascherato ma dopo l’agguato a Tim Drake e, ancor prima, a Damian Wayne, entrambi colpiti dal  Jason Todd, si convince di essere l’unico in grado di portare il fardello del Cavaliere di Gotham. Sarà protagonista di diversi fumetti sotto queste spoglie, per riprendere le sembianze di Nightwing con il ritorno di Bruce, dimostrandogli che è il suo unico erede.

 

 

 

 

 

Azrael/ Jean Paul Valley nella Saga di Bane

Batman  Azrael/Jean Paul Valley – Batman: Saga di Bane ( Knightfall, Knightquest , KnightsEnd) : Il personaggio di Jean Paul Valley è il più caratteristico fra tutti i Batman. Deviato sin da bambino dal misterioso ordine di Saint Dumas, viene incoronato direttamente da Bruce Wayne, sconfitto inizialmente da Bane con conseguente paralisi temporanea, come suo successore. Incline fin troppo alla violenza, come da subito nota un bistrattato Robin Tim Drake, viene ossessionato dalla figura del supercattivo, che intende sconfiggere per riscattare quanto accaduto a Bruce, tanto da modificare il vestito in maniera sostanziale e tentare di sostituire definitivamente il Cavaliere Oscuro. Condotto definitivamente alla pazzia nel finale, viene sconfitto dallo stesso Bruce Wayne, ristabilitosi nel frattempo, in uno scontro fra due visioni nettamente differenti dell’eroe.

 

 

Kal-El/Bruce in Superman: Speeding Bullet

Batman Kal – El – Superman – Speeding Bullet: Una delle versioni più divertenti del personaggio. In questo fumetto la Dc Comics decide di sperimentare la fusione fra due dei suoi principali protagonisti: Superman e Batman. La storia narra delle vicende di Kal – El che, salvato dall’esplosione del suo pianeta, cade su Gotham City con la sua navicella. Il bambino viene raccolto da Thomas e Martha Wayne, che lo allevano come se fosse il loro, e negli anni Kal-El/Bruce decide di creare l’identità segreta di Batman. In questo universo parallelo, il mascherato se la vedrà con Lex Luthor, che ufficialmente sostituisce il Joker come supercattivo, e nel finale lascerà l’identità di pipistrello, persuaso da Lois Lane, per quella più lucente di Superman.

6 thoughts on “Batman: le cinque versioni alternative dell’uomo pipistrello – PARTE I

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *